The Paiste History

 

The first Paiste cymbals were produced in 1906 by Estonian musician Toomas Paiste in his instrument repair shop in Saint PetersburgRussia, to customer orders. Toomas had served in the Czarist Imperial Guard, and retired in 1901 to open a music publishing business and music shop.[1]

The cymbal-making aspect of the business expanded with the passing years, despite the disruption of several moves necessitated by war: first to TallinnEstonia in 1917, where Toomas' son Michail M. Paiste decided to concentrate on cymbal production and export. In 1940, the family and the cymbal-making operation moved to Poland, where they continued under extremely difficult conditions, and in 1945 to Germany. Finally, in 1957 a new headquarters and production facility was established in Switzerland. The business was continued by Michail's sons, Robert and Toomas (born Kurt), with both the Swiss and German operations as the main manufacturing centres. Since 2003, the company has been headed by Toomas' son, Erik.[1] Robert Paiste died in 2016, aged 84.[2]

 

Russia
1901-1916

Michail Toomas Paiste, a composer and musician, whose father had come from Estonia to serve in the Tsarist Guard, founds a publishing business and music store in St. Petersburg. The operation, which also includes modest instrument manufacturing and repair facilities, flourishes for many years until the upheavals of the Russian Revolution force its closing.

 

 

Estonia
1917-1939

 

Michail Toomas returns to his native country, and re-opens his business in the city of Tallinn. It is here that he begins to design and manufacture cymbals for concert and marching bands together with his son, Michail M. Paiste, who quickly becomes the driving force and eventually takes over the business. Seeking to meet the rapidly evolving demands of “modern music” and the emerging drum set, the son begins to develop his own special concept for Turkish style cymbals, which he prefers over the Chinese style as a starting point. It is during this time that he also develops the first gongs. The resulting instruments receive awards and international recognition as they begin to be exported to Europe, the USA and overseas.

Poland
1940-1944

The events of World War II force Michail M. to leave Estonia for Poland, where he re-establishes the family business. The company struggles with a wartime shortage of raw materials and difficulty in maintaining international relations, but manages to survive.

 

Germany
1945-

Towards the end of the war, Michail M. and his family escaped Poland as refugees, bringing him to Northern Germany where, for the third time, he begins to produce cymbals and gongs. The instruments’ superior reputation help revive business relationships and ensure development of a robust export business throughout the Fifties.

 

Switzerland
1957-

Michael M. establishes a manufacture in Switzerland, also bringing a third generation, sons Robert and Toomas, into what becomes the companies base for future development. A new era begins as Robert and Toomas make Paiste Switzerland the hub of its international business activities. Since 2003, the company is headed by Toomas’ son, Erik.

 

USA
1981-

The company gains a firm foothold in the world’s largest musical instrument market with the establishment of Paiste America in the U.S.A..

Michail Toomas Paiste

Michail M. Paiste

Toomas Paiste

Robert Paiste

FILOSOPHY

The Paiste 
Philosophy


The principle of our family business is to continually create new sound with cymbals, gongs, and bronze percussion instruments according to the creative needs of drummers and percussionists. 

The foundation of this search for musical sound is the successful combination of the musician’s creative imagination of musicians and the inventive spirit of the musical instrument maker. The spark that continually invigorates this search is music itself, in all its beauty, complexity, and seemingly never-ending capacity for new ways of expression. The relationship between us as sound makers, and drummers and percussionists as musicians, is the very intimate manifestation of this deep principle. This is our true purpose.

 

The secrets in creating sounds are life-long experience, a deep knowledge about sound and sounding alloys, painstaking craftsmanship, and intensive experimentation. We never get accidental results. We meticulously research and we thoroughly execute our creations. We guarantee consistency in sound qualities and sound color in every cymbal, percussive sound and gong we offer. Through these virtues we can offer a full range of unique and specific sounds, which respond to the musician’s personal wishes. We go on providing you with ever-new sound dimensions. We give you new possibilities to expand your sound spectrum and to creatively develop your individual musical expression. This helps you realize your musical dreams.


Our Cymbals are State-Of-The-Art


Our cymbal program always reflects the current state of music. Music is incredibly diverse and changes constantly. Today’s music mixes and matches styles; it borrows freely from historical periods; it is being enriched by ethnic and traditional genres; it continues to integrate worldwide music styles. Players no longer limit themselves within a certain style.

 

Experimentation, integration and revolution are the norm. The art of percussion has evolved to a point where technical and musical ability has reached unprecedented levels. Drummers and percussionists speak many musical languages and actively perform in several genres. 

Our program is designed to keep up these trends. Our ability to do this has grown exponentially over the decades. As a result, our program covers more musical needs than ever before. We continually create new sounds. We create cymbals with more potential for variation and versatile application. We design more sound and function into individual models. We research and develop methods to bring more satisfying sound to lower priced ranges. In short - we work hard to make our cymbals do more to satisfy drummers and percussionists.

PRODUCTION & MANIFACTTURING

The Paiste 
Cymbal Production 



 

Traditional Hand Manufacture



       
The Art of Cymbal Making

There is much conflicting and nebulous information circulating about how cymbals are made. Cymbal companies have different ways of doing things, and naturally they all maintain that their way is the best, while their competitors’ ways are not so good. Since they all have great marketing departments that excel at semantics, everyone usually comes out smelling like a rose. We will limit our statement in this regard to the fact that we do things our way because it works for us and we get superior results. Besides, explaining our methods in too much detail would reveal our secrets, and we would rather not substitute such revelations with misleading and trivial simplifications. Still, our methods are interesting and our story worth telling. Our manufacturing philosophy is simple: we know that a human being has the intuition and ability to create superior musical instruments. To mimic this ability with a machine would require a highly sophisticated robotic device controlled by advanced artificial intelligence. This is a very interesting concept but unfortunately still within the realm of science fiction. So we do things the tried and true way. We make cymbals by hand. And since the results are magnificent we see no reason to change. In our professional series, we craft cymbals by hand exclusively. We will use mechanical devices sparingly and only as aids to hand manufacture, but never at the expense of sound and quality. Such devices help remove strenuous labor from our artisans, and allow them to concentrate their talents and energy on creating instruments of the highest sound quality and consistency. In the creation of our mid-range cymbals we will introduce automation. Our value class cymbals are entirely machine made, because this helps us lower the cost of such cymbals. The true art of cymbal making is to select the right methods to achieve the desired goal, whether it is ultimate professional sound quality or whether we strive to achieve the best price/value relationship.
  The Master Cymbal
The master cymbals created by Sound Development form the basis for production and are kept as references in the different production departments. Each department’s goal is to contribute to producing faithful copies of these reference cymbals. This is the principle that ensures the ultimate in consistency and quality.

The Firing Department
The firing department prepares the round disks for later stages of production. A visual inspection ensures uniformity and sorts out flawed disks. The center of the cymbal is then heated to soften the metal, so that a bell can be pressed into it. A hole is then punched through the center of the bell. Some cymbals are sent through a high temperature oven in order to anneal them.

The Hammering Department
The hammering department gives the cymbal its shape. To conserve human energy, we utilize a pneumatic hammer. This tool aids the craftsman in the initial shaping of the cymbal. With his feet the craftsman controls the velocity and force, and with his hand the spacing and pattern of the hammering. The process is comparable to mastering four-way independence in drumming. Extensive and careful hand hammering using only hammer and anvil accomplishes the fine-tuning of the shape. An important aspect of this process is the truing, ensuring uniformity in shape throughout the cymbal.

The Lathing Department
The lathing department reduces the thickness of the cymbal to the correct parameters which usually also involves a thinning of the surface towards the edge of the cymbal. Our tolerances are minute, and measuring by micrometer is necessary to achieve them.

The Finishing Department
The finishing touches are then applied by smoothing the cymbal's edges, silk-screening brand marks and model designations on the instrument and then coating it with a special protective solution to prevent oxidization. 

The Quality Control
Quality control procedures are implemented frequently throughout the production process. This involves checking the production cymbals repeatedly against the reference cymbals to ensure that the precise parameters are executed to perfection. The final - and arguably most important - step in production is to hand test each and every finished cymbal against the master cymbals produced by Sound Development. If a cymbal does not conform to our exacting standards, it is destroyed. Only instruments of perfect quality and consistent sound character are allowed to leave our workshop.

PIATTI PAISTE I MODELLI NELLA STORIA

Allora. Nel 1901 in Russia Michail Toomas Paiste, estone, fonda un negozio di musica a San Pietroburgo.
Nel 1917 torna in Estonia e sposta il negozio lì, e lì comincia a produrre in proprio piatti da orchestra e banda. Durante gli anni '30, con l'emergere della batteria come la intendiamo oggi, comincia a produrre piatti basati sul modello turco, sviluppando però un suo stile.
Dopo gli anni bui della guerra, negli anni '50 il business della famiglia Paiste rifiorisce, e si stabiliscono in Svizzera a Nottwil, che è la sede tutt'oggi.

In questi anni inizia la vera e propria produzione Paiste, e vengono introdotte novità come il piatto China, il bronzo CuSn8 (che debutta nella serie Stambul) e il china con la campana bombata in stile turco.

Negli anni '50 e '60 le serie in produzione erano queste:
Dixie [in Nickel Silver]
Ludwig [anche loro in NS12]
Stambul [B8]
Stanople [probabilmente B20, si hanno pochissime informazioni su di loro]
Super [B8]
Giant Beat [B8]
Formula 602 [B20].

Negli anni '60 altre importanti innovazioni furono, nel 1967, l' introduzione del Sound Edge (il famoso bottom del charlie ondulato, poi imitato con vari nomi, Mastersound, Soundwave ecc.) e il Flat Ride, ride senza campana.

Negli anni '70 la musica si era ormai elettrificata, servivano nuovi piatti e nuovi suoni per accompagnare gli strumenti amplificati: così la leggendaria serie 2002 venne introdotta, nel 1971, come evoluzione dei Giant Beat.
Oltre a loro, nei '70 erano in produzione anche:
Formula 602
Sound Creation [B20, una "costola sperimentale" dei 602]
505 e 404, linee più economiche in B8 che tuttavia avevano due palle quadrate.

In questi anni, i 2002 avevano i famosi loghi neri, da non confondersi con la riedizione del 2001, e la lineup consisteva in poche varietà di modelli, ma offerti in un cifro di misure che oggi ci si sogna. Erano leggermente più leggeri rispetto a quelli di oggi.

Gli anni '80... Con le varie ramificazioni del rock, i 2002 ebbero sempre più successo, presero i famosi loghi rossi, e la lineup venne ampliata con nuovi modelli e innovazioni come il Novo China (1983).
Però, sempre partendo dall' ormai collaudata base del CuSn8, nacquero anche due importanti correnti: i RUDE, i primi veri "piatti da metal", pesanti (leggermente meno di quelli odierni però), incazzati e non rifiniti, e i vari Colorsound (i primi piatti colorati) in tutte le loro ramificazioni che vedremo in seguito.
Nell' 86 i nostri amici decisero di interrompere la produzione dei 2002 per splittarli in due serie, i 2000 e i 3000.
Questa fu l'era di maggior fioritura della casa svizzera, con una miriade di serie che adesso vedremo:

Formula 602
Sound Creation (nel 1985 fu introdotta la sottoserie New Dimension, che si differenziavano per alcuni dettagli della lavorazione e di conseguenza avevano suoni più brillanti)
505
404
400 [altra serie economica in B8]
200 [la serie più scrausa al tempo, sempre B8]
1000 [l' equivalente degli Alpha di oggi, offerti anche in variante RUDE]
2000 [sostituirono i 2002 insieme ai 3000, dall' 86 al '94][disponibili anche in variante Colorsound e Sound Reflections]
3000 [disponibili anche in variante RUDE]
Colorsound 5
RUDE (dall' 80 all' 86)
2002 (fino all'86)

Gli anni '90.
Nell' 89 gli elfi di babbo Paiste sfornarono una nuova lega, la prima studiata appositamente per i piatti (ecco perchè costano come i sandali di Cristo autografati): il PSA (Paiste Sound Alloy), che, anche se non è mai stato ufficializzato, è una via di mezzo tra B8 e B20.
Con questo materiale, nacquero le serie Signature (inizialmente chiamata solo Paiste Line) e Sound Formula, che andarono a rimpiazzare gli storici Formula 602 e Sound Creation.
Inoltre, visto lo scarso successo della decisione di dividerli, i 2002 ritornarono nel '94, sempre coi loghi rossi e nuovi modelli.

In quegli anni erano in produzione:
Signature
Sound Formula (anche in variante Reflector)
2002
Alpha
3000 (fino alla reintroduzione dei 2002)
2000 (vedi 3000)
1000 (dismessi nel '92)
Traditionals (salto nel passato, ispirati ai vecchi piatti da jazz)
Visions (Signature e 2002 neri, fatti per Terry Bozzio)
302 (scrausi in ottone)
Brass Tones (idem)
502 (semipro in B8)

Dal 2000 ad oggi...
La Paiste col nuovo millennio si dà una botta di vita: ad affiancare i 2002 nascono i Dimensions (1999) e gli Innovations (2001), entrambi in B8, entrambe serie sperimentali, specialmente gli Innovations.
I RUDE tornano ad essere una serie autonoma, con nuovi modelli (ma anche perdendone alcuni purtroppo)
Viene anche sviluppato un filone sperimentativo con Exotic Percussion e Noise Works (poi dismesse).
Nel 2004 nasce una serie nuova, chiamata Dark Energy. Derivata dai Signature, ma presenta suoni più scuri e caldi, orientata ai generi con meno volume.
Nel 2005 il comparto economico-semipro viene rinnovato: nascono i 101, i 201, i Pst5 e i Pst3.
Vengono anche reintrodotti i mitici Giant Beat, sviluppati sulla base dei 2002.
Nel 2006 gli Alpha vengono totalmente cambiati, nuovi loghi, nuovi metodi di produzione, nuovi modelli... Nasce una linea che guarda al futuro.
Nel 2007, nasce una linea totalmente nuova, i Twenty, bronzo B20 lavorato come solo mamma Paiste sa fare, una serie che promette bene per gli anni a venire 
Ah, nel 2008 sono nati anche i Black Alpha, ma chi se ne frega.

ALTRA ROBA PIU' O MENO UTILE



Le fasi della produzione RUDE dall' 80 a oggi:
Dalla loro introduzione fino al 1983, esteticamente i Rude assomigliavano a quelli di oggi, solo che il logo Paiste non era presente, c'erano solo il logo della serie e il nome-misura del modello:



Come potete vedere erano un po' diversi da quelli di oggi, colore più giallognolo, martellatura meno profonda e più fitta e peso leggermente inferiore.
Nel 1984 presero la veste grafica poi ripresa da quelli odierni, ovvero il logo Paiste sopra la scritta Rude:



Dopo il 1986, furono resi parte delle serie 3000 e 1000. Ovviamente erano diversi fra loro, infatti i 3000 erano lavorati come prima, i 1000 no, essendo di qualità minore 
Presentavano il logo RUDE in rosso (verde per i 1000) sulla sinistra:



Con la reintroduzione dei 2002, i RUDE passarono sotto questa linea, tornando simili nell' aspetto agli originali dall'84 all' 86, solo che il logo della serie era nella parte sotto, mentre sopra c'era il logo 2002, entrambi in bianco:



Nel '99 finalmente tornarono, leggermente più spessi, come serie autonoma:



Anche se molte dimensioni andarono perse, come i charlie 13" e 15", i Ride/Crash da 21" a 24", i Power Ride 22" e gli splash 8" e 12", nuovi modelli vennero introdotti (Thin e Wild Crash, Novo China, Wild Hats, Mega Power Ride, che però non è un vero e proprio RUDE perchè è rifinito).

Riconoscere l'anno di produzione dei vostri Paiste? Se sono prodotti in Svizzera (tutte le serie pro e i vecchi Alpha) è facile.

Durante i '70 i numeri di serie erano di sei cifre, e la prima indica l'anno.
Ad esempio, 358159 (numero sparato a cazzo) indica che il piatto è del '73.
Durante gli '80 si usava lo stesso metodo, solo che c'era scritto sopra PAISTE in maiuscolo.
Nei '90 la scritta diventò una copia del logo, quindi pAisTe.
Nel '96 vennero introdotti i numeri seriali a 8 cifre, quindi un numero tipo 98457301 sta a significare che il piatto è del '98.

piatti colorati Paiste
I piatti colorati Paiste, che sono stati i primi della storia, si dividono in 4 serie dall'83 ad oggi:
Colorsound 5 (1983-86), disponibili in 5 colori (da cui il nome): nero, verde, rosso, blu e turchese.



2000 Colorsound, che erano una sottoserie dei 2000 (ma va'?) (1986-95)



Visions, sviluppati per Terry Bozzio nel 1994, esclusivamente neri, avevano sia modelli in B8 che in B15:



Black Alpha, mossa commerciale durata dal 2008 al 2010 per far comprare ai bimbiminchia piatti col logo degli Slipknot, solo neri, suonano da tolle tranne che per hats e ride:



I Paiste creati con/per un artista (piatti singoli o intere serie).

- Signature 22" "The Rythmatist" Blue Bell Ride. (Stewart Copeland)

Il Colorsound lo rende pingoso, asciutto, definito, e non gli dà un volume assordante. Ne esce un ride controllato, versatile, non perfora-timpani come un Power Ride ma nemmeno washy come un Light Ride. Campana decisa. Un gran ride per molteplici usi, anche se non è per niente crashabile.



- RUDE 24" Mega Power Ride, detto anche "Eclipse". (John Dolmayan)

Un gran Ride, in tutti i sensi  Ping esplosivo, "voce" profonda e ruggente. Non è ASSOLUTAMENTE crashabile. Campana grande, travolgentemente potente e penetrante.
Non è un vero e proprio Rude, è l' erede del Dimensions Mega Power Bell Ride e del 2002 Mega Rock Bell Ride.



- Signature 22" Reflector Bell Ride, detto anche "Powerslave". (Nicko McBrain)

Ping cristallino ma "morbido" (come tonalità), si fa sentire. Wash presente, non è per niente dry come piatto. Ottimo volume, e la campana... Ah, che campana. Profonda, potente e penetrante. Questo ride è veramente un gran bel pezzo di metallo luccicoso.
Ah, e dimenticavo... Nemmeno lui è crashabile! 



- 2002 24" Big Ride. (Alex Van Halen)

Un ride particolare, sembra la versione 2002 del Giant Beat 24". Ping delicato, wash molto presente, crashabile, campana ovviamente non esattamente "forte". E' una novità 2010.

Ora, piccolo salto nel passato... Il Flatride, creato appunto dalla Paiste, è stato sviluppato con Joe Morello, quindi possiamo considerarlo un modello "semi-dedicato".



Ci sarebbero anche i Visions (Terry Bozzio), e i Black Alpha (Joey Jordison) ma ne ho già parlato nella parte dei piatti colorati

Informazioni varie su serie del passato.

-Formula 602. Realizzati in bronzo B20, a partire dal 1957, sono stati la serie più importante per molti anni. Da qui sono cominciate molte innovazioni nel mondo dei piatti come il Sound Edge Hi-Hat e il Flatride (ride senza campana).
Questi piatti riflettono le caratteristiche sonore tipiche del B20, ovvero una certa "morbidezza" e calore nel suono. Infatti, quando il rock cominciò a salire alla ribalta vennero introdotti i Giant Beat e a seguire i 2002, e i Formula restarono "relegati" all' ambiente jazz e in generale situazioni "soft".



-Sound Creation. Nati nel 1976 come una branca dei Formula 602, realizzati in bronzo B20, furono rimpiazzati dai Signature nel 1989.
Furono, anche cronologicamente, i "figli" dei 602 e gli "antenati" dei Signature. A differenza dei primi, erano dei piatti piuttosto versatili, ogni modello della serie era creato per avere un carattere proprio senza appiattire la serie a un solo genere musicale. Tanto per far un esempio, i ride andavano dal Dark Flatride all' ormai leggendario Bell Ride di Nicko McBrain.



-Sound Formula. Introdotti nel '90, in bronzo B15. In questa linea videro la luce gli ormai famosi Mega Cup Chime e Flanger Bell, oggi parte della serie Signature. Era una serie parallela ai Sig, fatta anche dello stesso bronzo, che aveva il compito di introdurre nuovi tipi di piatti, ovvero variazioni su ride, charlie, crash e china che in futuro vennero riprese dalle serie a venire.
Inizialmente portavano un logo simile a quello dei Sound Creation, poi presero un logo inedito con lettere storte.



-Dimensions. Serie recente, bronzo B8, molti dei modelli furono in seguito integrati nei 2002. Offerti anche in versione Reflector.
Erano una serie parallela ai 2002, introdussero molti modelli odierni come il 24" Mega Bell, oggi nella serie Rude (sebbene non sia un vero e proprio Rude), ma che ebbe una breve vita, dopo la messa fuori produzione dei Dimensions, come 2002 Mega Rock Bell Ride.



-Innovations. Altra serie recente, introdussero un nuovo tipo di "lathing" chiamato Sonic Texture Formula. Realizzati in bronzo B8.
Serie abbastanza anonima, se non fosse per questo "procedimento particolare", che consiste in un uso diverso del tornio di rifinitura dei piatti: invece delle "solite" righe concentriche, si procedeva con notevole precisione a creare solchi complessi in modo da dare al piatto un suono più "ricco" e articolato.



-Noise Works. Serie piuttosto particolare, ospitava diversi tipi di piatti realizzati in materiali diversi (dall' ottone al B15), prodotta dal 2002 al 2009. Lo scopo era quello di creare una linea di suoni particolari, "sperimentali", con vari effetti di stacking e cose così.
La linea comprendeva stacks china-splash, tripli stacks, e anche particolari mini-hat dal suono trashy e "arioso".



Se volete posso aggiungerne altre 

FAQ e falsi miti.

-Spesso online si vede scritta roba tipo "Signature Dimension". Cazzata! Le serie Signature e Dimensions sono completamente diverse, non fatevi trarre in inganno dal logo simile. Per un occhio allenato, sono facilmente distinguibili: i Dim (come anche gli Innovations e i Signature Reflectors) hanno un logo Paiste più grosso e più lontano dalla campana, e il nome del modello è scritto in un font diverso, inoltre le martellature sono completamente diverse. E, differenza più importante, i Dim sono in B8 

-Perchè l'Eclipse non è un vero e proprio RUDE? Semplice, perchè, anche se non sembra, è rifinito, leggermente ma lo è. Non è altro che una riedizione del vecchio Dimensions Mega Power Bell Ride (2002 Mega Rock Bell Ride), con una rifinitura più leggera (basta guardarlo molto da vicino, si nota in questa immagine lo schema martellatura-rifinitura tipico dei 2002):



-Quali piatti Paiste mi convengono se suono metal? Cominciamo con un concetto importante: non limitarsi ai RUDE. Esistono tanti di quei charlie possenti e ride pingosi (che è quello che solitamente uno che suona metal cerca) sparsi tra 2002 e Signature, che sarebbe stupido limitarsi a una serie. Anche gli Alpha possono riservare soddisfazioni (:
Tra le serie del passato lo chef consiglia alcuni modelli di 3000, 2000, Dimensions e Sound Formula.

-Qual'è la differenza tra un Sound Formula con questo logo:  e uno con questo: , apparte la veste grafica?
La prima produzione dei Sound Formula aveva una caretteristica importante: era dello stesso materiale dei Sig, ma aveva martellatura e rifinitura simili a quelle applicate ai 2002. Inoltre, erano prodotti in Germania. Dopo qualche anno furono spostati in Svizzera, vennero privati della variante Reflector e divennero sempre più simili ai Sig come lavorazione, tanto che vennero dismessi e, udite udite, pare che agli ultimi Sound Formula cambiarono semplicemente i loghi per farli diventare Signature, null' altro, da tanto erano uguali 

-"c'è una effettiva relazione tra i giant beat storici e quelli di odierna produzione?"
Dipende da cosa si intende per "effettiva relazione"... Posso dire che i modelli e le misure sono gli stessi, anche il materiale ovviamente, ma, mentre i vecchi GB ispirarono i 2002, con quelli moderni è il contrario, sono basati sui 2002 (martellatura e rifinitura simile). Inoltre i vecchi avevano sia il logo stampato che quello inciso nel metallo  Il suono non è cambiato in modo consistente.

-"I piatti Paiste non valgono quello che costano perchè sono stampati"... Altra cazzata. Dei Paiste si paga il suono, la fama, i materiali (soprattutto per Sig, Dark Energy e Traditionals) e tutta la lavorazione minuziosa che c'è dietro ogni singolo piatto, non chissà quali radici orientali delle quali al di fuori della Turchia è rimasto ben poco.

Anche questa sezione si potrà espandere 

Endorsee storici

Beh, sono tanti, quindi mi limiterò ad alcuni.

Nel rock:
Primo fra tutti, Bonzo.
Keith Moon.
Nick Mason.
Nigel Olsson.
Phil Rudd.
Stewart Copeland.
Bill Bruford.
Ian Paice.
Tommy Lee (che poi ha tradito).
Alex Van Halen.
Larry Mullen Jr.
Tommy Aldridge.
Frank Beard.
Chris Slade.
Tico Torres.

Nella roba un po' più pesante:
Dave Lombardo.
Nicko McBrain.
David Silveria.
Danny Carey.
Nigel Glockler.
Marky Ramone.
Charlie Benante.
Josh Freese.
Scott Travis.
Joey Jordison (beh, in fin dei conti devo mettere anche lui )
Paul Bostaph.

In campi più leggeri:
Ndugu Chancler.
Terry Bozzio.
Chad Wackerman.
Mick Fleetwood.
Abe Laboriel Jr.
Paul Leim.
Pat Mastelotto.
Carl Palmer.
Jeff Porcaro.
Cozy Powell.
Joe Morello.
Paul Wertico.
______________________

LINK SITO PAISTE

http://www.paiste.com